headertop1 haero dinamiko roamings the snow must go on
headerbottom
primarybottom
Meet Claude Marthaler (4 Comments)

Haero & Claude Marthaler

English (uk flagItaliano qui)

Actually, I might be among the few “travelers” that didn’t know him…
I was invited by my mate Raph Jochaud aka CaMacro, to attend a slideshow and a book presentation by a friend of Raph, Claude Marthaler, preformed live at the Grand Bivouac festival in Albertville, France, two weeks ago.
Didn’t know much about the festival and Claude, and sometimes, if not most times, this is the best way to be totally blown away…Indeed, ever since the first robust handshake with Claude, at his little desk among the gazebos, and throughout the whole commented slide-show, I was in a complete state o awe. This slim and tall swiss from beautiful Geneva, traveled a LOT, on his bicicle “the yak”, all around the globe, just like my mate Giorgio Bettinelli did with his Vespa mopeds. The slide-show was about his last three years trip around Europe, Africa and Asia. Music in the background, stunning images scrolling on screen, and Claude sure and ironic voice-over to comment when the image didn’t speak for itself. A bit too long maybe, and the auditorium was too hot and damn damp, but nobody left before time, and he sold plenty of his own books at the exit. I had a chance to meet him and chat a little about his immense travel experience. He met Giorgio as well, at a travelers’ festival somewhere in Italy. He vividly remembered him. Claude lives like Giorgio did, traveling as much as possible then writing about it and self promoting when not on the road. It’s his life. RESPECT!
Well, nuff said on Claude, go check his website and all his travels!

http://www.yaksite.org/

uk flagItaliano

In realtà, potrei essere tra i pochi “viaggiatori”, che non lo conosceva …
Sono stato invitato dal mio amico Raph Jochaud aka CaMacro, per assistere ad una proiezione di diapositive e una presentazione del libro di un amico di Raph, Claude Marthaler , esguita in diretta al festival Le Grand Bivouac di Albertville, in Francia, due settimane fa.
Non so molto sul festival e Claude, e talvolta, se non il più delle volte, questo è il modo migliore per essere totalmente spazzato via dalla sorpresa… In effetti, fin dalla prima stretta di mano robusta con Claude, alla sua piccola scrivania tra i gazebo, e durante tutto lo slide-show, sono stato praticamente a bocca aperta. Questo svizzero alto e magro, proveniente dalla stupenda Ginevra, ha viaggiato MOLTO, sulla sua bicicletta, “yak”, in tutto il mondo, proprio come Giorgio Bettinelli ha fatto con le sue Vespa. La slide-show mostrava il suo ultimo viaggio in Europa, Africa e Asia, compiuto in 3 anni. Musica in sottofondo, le immagini mozzafiato a scorrer sullo schermo, e il sicuro e ironico voice-over di Claude a commentare quando le immagini non parlavano da sole. Un po’ troppo lungo, forse, e l’auditorium era troppo caldo e umido, ma nessuno s’è alzato prima del tempo. Ha venduto molti dei suoi libri all’uscita. Ho avuto la possibilità di incontrarlo e chiacchierare un po’ della sua immensa esperienza di viaggio. Ha incontrato Giorgio, ad un festival viaggiatori da qualche parte in Italia. Si ricorda benissimo di lui. Claude vive un pò come viveva Giorgio appunto. Viaggia il più possibile, e quando torna, scrive e si autopromuove. E’ il suo lavoro, la sua vita.
Rispetto!
Bene, nuff said on Claude, andate a controllare il suo sito e tutti i suoi viaggi!

http://www.yaksite.org/

4 Responses to “Meet Claude Marthaler”

    1. Style1 November 8th, 2009 at 12:46 AM

      grandi persone, grandi esperienze, grandi esistenze 🙂

    1. haero November 18th, 2009 at 11:17 AM

      grandi commenti da grandi artisti 🙂
      Grazie Andre

    1. giovanni December 31st, 2009 at 9:46 AM

      Grande personaggio letto proprio oggi sulla rivista Millionaire un articolo che parlava delle Sue gesta..

    1. haero December 31st, 2009 at 9:55 AM

      Claude è un illuminato, uno che quando sta fermo vive di autopromozione, uno che ha fatto della sua esistenza un viaggio costante, con “vacanze” statiche in autopromozione (-:D Chapeau

Leave a Reply